The Bridge 2 - Recensione + Video

La serie poliziesca con Diane Kruger si congeda dal pubblico dopo 2 stagioni

Celebrità

Contenuti Extra

Altri Post

Ultimi contenuti caricati

Archivio

The Bridge si era concluso colpendoci al cuore, con una delle morti più toccanti – non tanto per il personaggio, ma per le modalità di com'è avvenuta – della scorsa stagione. I nuovi episodi si allontanano dalla trama dello show scandinavo a cui è ispirato e si concentrano sulla corruzione politica e sociale ai confini degli Stati Uniti e del Messico, mostrando lo spaccio di droga, i problemi legati all'immigrazione e al traffico umano.

Avevamo lasciato Marco Ruiz e Sonya Cross al loro destino, soprattutto con il primo sull'orlo di perdere completamente il controllo. Infatti ritroviamo Marco (Demian Bichir) completamente solo, perennemente sbronzo, senza più quell'equilibrio che poteva dargli la sua famiglia, sua moglie in particolare. Lo rivediamo in una realtà durissima come quella di confine (lato messicano, che è anche peggio) dove un suo collega tenta addirittura di ammazzarlo. Ritroviamo anche Sonya (Diane Kruger) nelle sue vesti originali, ovvero di detective integerrima sul lavoro ma che nella vita privata non riesce a distinguere minimamente cosa sia giusto e cosa sbagliato. Gli autori complicano in maniera positiva questo dualismo e il personaggio stesso, interpretato sempre magistralmente dalla Kruger, inserendo il fratello di Dobbs (l'assassino della sorella), Jack, come variabile impazzita della stagione. Fausto Galvan (il capo del Cartello) è l'antagonista principale della seconda stagione ma il suo braccio destro, Eleanor Nacht (un'inquietante e spietata Franka Potente), sarà una minaccia più grande: donna del Cartello mandata per sistemare i "conti" di Fausto negli Stati Uniti.

Una seconda stagione che ha fatto fatica ad avviarsi (troppe sottotrame e personaggi di contorno), riuscendo però a regalare diverse sequenze ricche di inquietudine e di suggestioni. Sonya Cross e Marco Ruiz si congedano dal pubblico (la serie non è stata rinnovata) con un finale di stagione che si affretta a chiudere le numerose storyline alla base dell'intreccio narrativo di The Bridge, benché non tutti i subplot della serie abbiano goduto di uno sviluppo e di un approfondimento completamente soddisfacenti. L'impressione complessiva, nei confronti di The Bridge, è che la serie abbia mantenuto sempre buoni livelli di tensione e di pathos senza però riuscire a "spiccare il volo", al di là di singoli episodi particolarmente validi.

Menzione speciale per le inattese scene di nudo di Diane (Dio, o chi fa le sue veci, benedica la Kruger!) e per Jenny Pellicer nel ruolo di Romina Cerisola, figlia di Sebastian (interpretato talaltro da Bruno Bichir, fratello di Demian): un uomo d'affari messicano benestante che ha dei legami oscuri con la polizia e con il cartello della droga.

Il Cinefilo Cinofilo

Qui a destra troverete l'elenco dei video hot della seconda stagione

Consigliati per te

Altri contenuti che potrebbero piacerti scelti dallo Staff di Donnaperfetta.com

I più letti

I vostri preferiti

Ultime Raccolte

        Commenti